Author: Rosaria Stuppia
E-mail: rosella.st77@libero.it
Institution: Università per Stranieri “Dante Alighieri”, Reggio Calabria
Year of publication: 2017
Source: Show
Pages: 173-190
DOI Address: https://doi.org/10.15804/IW.2017.08.09
PDF: iw/08_1/iw8109.pdf

The incredible fantastic adventures of Mia: Diary of a teenager, keen observer and skillful writer

In the last 20 years in Italy, thanks to the continued effort of qualified authors, children’s literature has radically renewed, becoming an interesting workshop where different techniques and styles are tried out, and where important issues, sometimes even awkward ones, are confronted in an adequate way. In this panorama we find the bestseller of Paola Zannoner, Voglio fare la scrittrice, which was published in 2007. Its protagonist, Mia, is an average teenager who belongs to an average Italian family. This apparent normality is the strength of this character: girls can identify with her. Amusing and interesting, the text is an observation instrument of the modern Italian family: teenagers who criticise adults, family not fitting into traditional stereotypes, and parents who remain eternal children. The text contains pros even on an educational level by means of interesting metalinguistic reflections: practical tips for writing a good narrative text provided directly by a young girl whose dream is to become a famous writer. This strategy is functional: it connects young female readers with the typical constructs and technical terms of writing workshops, intending to begin to develop in readers a focused textual competence.

In questi ultimi vent’anni, grazie all’impegno costante di autrici e autori qualificati, in Italia la letteratura per l’infanzia si è rinnovata radicalmente, divenendo un interessante laboratorio dove si sperimentano tecniche e generi diversi, e dove vengono affrontate in modo adeguato anche tematiche serie, a volte persino scomode. È in questo panorama che si colloca il fortunato libro di Paola Zannoner, Voglio fare la scrittrice, pubblicato nel 2007. Protagonista è Mia, una normalissima adolescente appartenente ad una normalissima famiglia italiana: proprio in questa apparente normalità sta la forza di questo personaggio in cui le ragazzine possono ritrovarsi senza tanta fatica.
Scorrevole, umoristico e accattivante, esso finisce col costituire un perfetto strumento di osservazione della famiglia italiana moderna: adolescenti critici nei confronti del mondo degli adulti; famiglie distanti dal modello stereotipato offerto dagli schemi tradizionali; genitori aventi la pretesa di rimanere eterni ragazzini. L’opera presenta pregi anche a livello didattico, per via delle interessanti riflessioni metalinguistiche ivi contenute: consigli pratici per realizzare un buon testo narrativo, forniti direttamente da una tredicenne col desiderio di diventare una famosa scrittrice. L’espediente è funzionale: avvicina le giovani lettrici a costrutti e tecnicismi tipici dei laboratori di scrittura, iniziando a sviluppare in loro una mirata competenza testuale.

REFERENCES:

  • Beseghi, E. (2002). Confini. La letteratura per l’infanzia e sue possibili intersezioni.In A. Ascenzi (a cura di), La letteratura per l’infanzia oggi: questioniepistemologiche, metodologie d’indagine e prospettive di ricerca (pp. 69–86). Milano: Vita e Pensiero.
  • Menduini, E. (2006). I linguaggi della radio e della televisione: teorie, tecniche,formati. Roma–Bari: Laterza.
  • Ricci, L. (2013). Paraletteratura. Lingua e stile dei generi di consumo. Roma:Carocci.
  • Rossi, F., Ruggiano, F. (2013). Scrivere in italiano. Dalla pratica alla teoria.Roma: Carocci.
  • Sgroi, S. C. (2016). Il linguaggio di Papa Francesco. Analisi, creatività e normegrammaticali. Città del Vaticano: Libreria Editrice Vaticana.
  • Stuppia, R. (2015). Gli italiani e la voglia di vivere in un Grand Hotel: il contributodel fotoromanzo alla diffusione dell’italiano. Rivistadi Storia, Geografia, Antropologia, Sociologia, IV–8, dicembre 2015,182–218.
  • Zanatta, S. (2009). Teen-lit. Ritratto delle adolescenti di carta. In L. Del GrossoDestrieri et al. (2009), Una galassia rosa. Ricerche sulla letteraturafemminile di consumo (pp. 137–196). Milano: Franco Angeli.
  • Zannoner, P. (2007). Voglio fare la scrittrice. Novara: DeAgostini.

Riferimenti sitografici:

Wiadomość do:

 

 

© 2017 Adam Marszałek Publishing House. All rights reserved.

Projekt i wykonanie Pollyart